( ! ) Notice: Undefined variable: page_body in /var/i2m/siti/cesar/head.php on line 21
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0010264024{main}( )../show_appuntamenti.php:0
20.0028356816include( '/var/i2m/siti/cesar/head.php' )../show_appuntamenti.php:23
>

ROMA 2010-2020 nuovi modelli di trasformazione urbana


Conferenza cittadina
8 e 9 Aprile ore 9:30
Auditorium Parco della Musica, Sala Petrassi – Roma

Il Comune di Roma organizza una conferenza cittadina di due giorni che coinvolgerà le più alte personalità dell’urbanistica e dell’architettura internazionale, tra i quali: Léon Krier (Presidente del Comitato Scientifico del CE.S.A.R.), Peter Calthorpe, Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Santiago Calatrava, Richard Meier e Zaha Hadid.
 
Il primo giorno, dal titolo “Città Storica: le aree dimesse come provocazione di sviluppo”, sarà dedicato al riutilizzo delle aree dismesse della città storica e il secondo, dal titolo “Periferie: dall’espansione alla ricostruzione dell’identità”, alle periferie.
 
La due giorni si inserisce all’interno del Progetto Millennium, lanciato dall’Amministrazione capitolina il primo dicembre scorso, che mette in campo risorse ed energie finalizzate alla realizzazione di 10 progetti strategici per la città di Roma. Il filo conduttore è quello di ripensare e ridisegnare insieme il futuro di Roma nei prossimi dieci anni.
 
Intervengono, tra le tante “archistar” che hanno già lavorato a Roma negli anni passati, anche Léon Krier e Peter Calthorpe (teorici e fautori del movimento New Urbanism).
 
La presenza di Krier, portavoce di una visione dell’architettura improntata sul recupero dei canoni tradizionali del costruire, assieme a Richard Meier, autore del discusso intervento all’Ara Pacis, se da una parte mette in luce una certa indecisione negli obiettivi, dall’altra fa sperare nella nascita di un vero dibattito culturale a 360 gradi. Dibattito fino a ieri assente anche perché, crediamo, dagli esiti scontati a discapito della cultura modernista dominante.
 
Dibattito peraltro già iniziato, non solo sulle pagine dei quotidiani, ma anche tra gli addetti ai lavori che noi, volentieri, ospitiamo.
 
Per questa ragione, vi invitiamo a lasciare i vostri commenti qui sotto.
 


Macchinette rassegna TV